MARCHE OU CRÈVE

di Margaux Bonhomme
HEAD ABOVE WATER

Informazioni

Nazione: Francia

Anno: 2018

Durata: 83'

36° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Elisa è un’adolescente entusiasta della vita e irruenta che spera di passare la sua ultima estate nella casa di famiglia del Vercors, nel Sudovest della Francia, prima di diventare indipendente e andare a vivere sola. Ma ad andarsene è invece sua madre, che lascia improvvisamente lei e suo padre François a occuparsi di Manon, la sorella maggiore affetta da problemi fisici e mentali. Il peso crescente di questo obbligo spinge Elisa in una spirale di odio che rischia di farle perdere il controllo della sua vita e dei suoi affetti.

Regia

Margaux Bonhomme

Margaux Bonhomme

Margaux Bonhomme (Parigi, 1974) lavora fin da giovane come fotografa, collaborando con agenzie come Magnum e Rapho, e affina poi la sua tecnica presso la London Film School. Torna a Parigi dopo la laurea, nel 1998, e comincia la carriera di regista per il cinema e la pubblicità, continuando a esporre le sue fotografie fra Parigi e Arles. Nel 2009 realizza il suo primo cortometraggio, Un certain dimanche, che vince il premio del pubblico al Festival di Pontault-Combault, così come un altro cortometraggio, La voix du Kate Moss, premiato nel 2012 a Montpellier. Nel 2011 affronta per la prima volta il tema della disabilità nel cortometraggio documentario Bel Canto, avviando una riflessione che diventerà poi centrale in Marche ou crève, suo primo lungometraggio.

Filmografia:
Un certain dimanche (cm, 2009), Bel Canto (doc., cm, 2011), La voix du Kate Moss (cm, 2012), Marche ou crève (2018).

Cast and Credits

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Margaux Bonhomme
dialoghi/dialogues
Margaux Bonhomme, Fanny Burdino
fotografia/cinematography
Julien Roux
montaggio/film editing
Vincent Delorme
scenografia/production design
Damien Rondeau
costumi/costume design
Bethsabée Dreyfus
musica/music
Pascal Humbert
suono/sound
Frédéric Dabo, Najib El Yafi, Benjamin Laurent
interpreti e personaggi/cast and characters
Diane Rouxel (Elisa), Cédric Kahn (François), Jeanne Cohendy (Manon), Pablo Pauly, Agathe Dronne
produttore/producer
Caroline Bonmarchand
produzione/production
Avenue B Productions
coproduzione/coproduction
Auvergne-Rhône-Alpes Cinéma, Ciné +, Cofimages 29, Cinéventures 3, Centre National du Cinéma & de l’Image Animée, Procirep, Nour Films & Charades

**
contatti/contacts
Charades
Nicolas Rebeschini
nicolas@charades.eu
www.charades.eu

Dichiarazione regista

«C’è una forte componente autobiografica in questo progetto, anche se penso che le esperienze raccontate abbiano un valore universale. La disabilità di Manon pone l’accento sulle relazioni individuali fra i personaggi e genera quesiti più ampi sull’importanza di queste relazioni, sulla colpa, la gelosia, la separazione. Non possiamo non amare i nostri parenti, ma a quale prezzo? È questa la domanda che si pone Elisa nel corso del film».

Sinossi Approfondisci

Elisa è un’adolescente entusiasta della vita e irruenta che spera di passare la sua ultima estate nella casa di famiglia del Vercors, nel Sudovest della Francia, prima di diventare indipendente e andare a vivere sola. Ma ad andarsene è invece sua madre, che lascia improvvisamente lei e suo padre François a occuparsi di Manon, la sorella maggiore affetta da problemi fisici e mentali. Il peso crescente di questo obbligo spinge Elisa in una spirale di odio che rischia di farle perdere il controllo della sua vita e dei suoi affetti.

Regia Tutto sui registi del film

Margaux Bonhomme

Margaux Bonhomme

Margaux Bonhomme (Parigi, 1974) lavora fin da giovane come fotografa, collaborando con agenzie come Magnum e Rapho, e affina poi la sua tecnica presso la London Film School. Torna a Parigi dopo la laurea, nel 1998, e comincia la carriera di regista per il cinema e la pubblicità, continuando a esporre le sue fotografie fra Parigi e Arles. Nel 2009 realizza il suo primo cortometraggio, Un certain dimanche, che vince il premio del pubblico al Festival di Pontault-Combault, così come un altro cortometraggio, La voix du Kate Moss, premiato nel 2012 a Montpellier. Nel 2011 affronta per la prima volta il tema della disabilità nel cortometraggio documentario Bel Canto, avviando una riflessione che diventerà poi centrale in Marche ou crève, suo primo lungometraggio.

Filmografia:
Un certain dimanche (cm, 2009), Bel Canto (doc., cm, 2011), La voix du Kate Moss (cm, 2012), Marche ou crève (2018).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Margaux Bonhomme
dialoghi/dialogues
Margaux Bonhomme, Fanny Burdino
fotografia/cinematography
Julien Roux
montaggio/film editing
Vincent Delorme
scenografia/production design
Damien Rondeau
costumi/costume design
Bethsabée Dreyfus
musica/music
Pascal Humbert
suono/sound
Frédéric Dabo, Najib El Yafi, Benjamin Laurent
interpreti e personaggi/cast and characters
Diane Rouxel (Elisa), Cédric Kahn (François), Jeanne Cohendy (Manon), Pablo Pauly, Agathe Dronne
produttore/producer
Caroline Bonmarchand
produzione/production
Avenue B Productions
coproduzione/coproduction
Auvergne-Rhône-Alpes Cinéma, Ciné +, Cofimages 29, Cinéventures 3, Centre National du Cinéma & de l’Image Animée, Procirep, Nour Films & Charades

**
contatti/contacts
Charades
Nicolas Rebeschini
nicolas@charades.eu
www.charades.eu

Dichiarazione regista Approfondisci

«C’è una forte componente autobiografica in questo progetto, anche se penso che le esperienze raccontate abbiano un valore universale. La disabilità di Manon pone l’accento sulle relazioni individuali fra i personaggi e genera quesiti più ampi sull’importanza di queste relazioni, sulla colpa, la gelosia, la separazione. Non possiamo non amare i nostri parenti, ma a quale prezzo? È questa la domanda che si pone Elisa nel corso del film».